Seconda Puntata: Arriva il Che

[Riassunto puntata precedente: dopo che l’inferno si liberò dal giogo dell’élite paradisiaca fondando la Repubblica Comunista Infernale dio decise che tutti gli umani una volta defunti andassero in paradiso. Sino a che …]

Toc toc.

– “Qualcuno vada ad aprire la porta del paradiso!”

Toc toc.

– “San Pietro dove cazzo sei finito? Bussano!”

Toc toc.

– “Pietro è andato con lo Spirito Santo ad una battuta di caccia.”

Toc toc toc.

– “Gesù vai ad aprire? In fondo sei il vicecapo quassù”

Toc toc toc toc.

– “Gesù stamani è strafatto, dopo l’orgia di ieri notte si è imbottito di coca, acidi e margaritas, ha detto di non disturbarlo neanche arrivasse Ragnarok.”

Toc toc toc toc toc!!!!

– “Eccheccazzo!” urlò dio “ma che minchia di paradiso è questo? Io sono il capo supremo e devo fare anche il portiere? Ma vedrete che se continua così rispedisco sulla terra quel debosciato di mio figlio, e questa volta lo spedisco a spalare merda in una discarica della mafia”.

  • “Ma capo, non ti incazzare, sai come sono i ragazzi di oggi. Gesù si è semplicemente divertito con i suoi amichetti, cosa vuoi che sia un po’ di droga. Cerca di essere aperto.”
  • “Giuseppe, cerca di non farmi incazzare. Sei stato tu a viziarlo sulla terra. E sì che te lo avevo detto di farlo studiare da avvocato, che almeno imparava un mestiere remunerativo. Ma tu no, tu a mettergli in testa le minchiate che è figlio mio, che doveva salvare il mondo ecc. Ma non erano quelli i patti. Alla fine lui ti ha creduto e guarda che fine ha fatto, io che avrei voluto un figlio avvocato, o al limite commercialista. Sparisci dalle palle prima che ti fulmini con lo sguardo. Vai viaaaaa!!!!!”

Ed alla fine, volente o nolente dio si mise una tunica ed andò ad aprire il portone del paradiso.

  • “E tu chi cazzo sei? Non vedi che ore sono? Qui stavamo tutti dormendo dopo i baccanali di ieri sera”
  • “¿Hola como estas? Mi nombre es Ernesto Guevara, pero me conocen como Che.”
  • “Sei quel rompicazzo che si è messo in testa di liberare i popoli dalla tirannia e dall’asservimento ai nostri amici USA??” Urlò dio adirato come non mai. “La gente come te dovrebbe bruciare all’inferno, insieme a tutti i poveri che difendi. Purtroppo quello stronzo di Lucifero si  è ribellato ed ora devo farvi entrare in paradiso”.
  • “Proprio un bel benvenuto(*), ma in fondo non mi aspettavo di meglio da chi appoggia gli imperialisti americani”.
  • “Senti non mi far incazzare, che già ho i grattacapi con mio figlio. Ora tu entri, vai all’ufficio accettazione, ti fai dare una tuta da netturbino ed inizi subito il tuo turno di lavoro. Ci sono rifiuti in tutte le strade del paradiso che non fanno altro che aspettare il tuo intervento. Ovviamente il lavoro è in nero, verrai pagato a cottimo e solo per quel minimo che ti permetterà di comprare le sigarette ed andare nei nostri bordelli, ed ora sparisci che ho da fare cose più importanti.”

                                              …continua (forse).

* Per comodità di lettura i dialoghi del Che vengono tradotti in italiano. Nota del Curatore

5 Replies to “Seconda Puntata: Arriva il Che”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...