Capitolo 19: Attenti al lupo (ultimo capitolo delle storie di Pinka)

Dove Pinka capisce che i lupi sono animali meravigliosi.


Dopo la vacanza a New-Collodi avevo rivalutato le fiabe
per bambini terrestri. Decisi quindi di farmi una cultura leggendo tutto ciò che avevo rifiutato da bambina.
Leggi che ti leggi arrivai a Cappuccetto Rosso.

Lessi il libro tutto di un fiato ma questo sarebbe un libro per bambini? E’ un horror mascherato, con tanto di stupro e vendetta.

Scoprii ben presto che sul libro erano stati scritto saggi e girati anche film horror. Ma si sa, le fiabe di quei tempi erano spesso tremende.

In ogni caso, curiosa come sempre, iniziai a cercare in IperGog, hai visto mai che come per Pinocchio esistesse un mondo-vacanze ispirato alla favola? Cercai, cercai, ma niente, nessuno aveva pensato alla favola di Cappuccetto Rosso.
Ormai stavo rinunciando quando vidi un Pubblicità Progresso dell’ente cosmico protezioni lupi. Cazzo, i lupi si stavano estinguen- do ovunque, colpa soprattutto degli umani. Colpevolizzati nei mil- lenni sono sempre stati sterminati, senza nessuna vera ragione. Sembrava esistere nell’universo solo un pianeta dove i lupi vivevamo felici, si chiama FLOW e si strova nella lontanissima galassia NGC666. Beh, ottima occasione per un viaggetto fuori programma. In onore di cappuccetto rosso mi misi un piccolo cappuccio rosso sangue in testa e presi un cestino da viaggio (con dentro tanti bellissimi sexy toy), regolai il trasduttore spazio-temporale e nel tempo di un battito di ciglia arrivai su FLOW.

Il pianeta era completamente ricoperto da un fitto bosco che non faceva filtrare la luce dei 5 soli che alternativamente comparivano in cielo. Un bosco in perenne semioscurità. Mi venne a mente la favola di Biancaneve, e mi chiesi se per caso avrei incontrato una casetta di nani con dei cazzi enormi.

Vagai per il bosco senza meta, ma niente, nessun nano e purtroppo nessun cazzo all’orizzonte. Stanca di questo mio girare a vuoto mi fermai in una piccola radura. Tirai fuori dal cestino il mio dildo anale ed iniziai un’auto inculata mentre con l’altra mano mi facevo una sega senza fine. Stavo per sborrare quando sentii un fruscio provenire dal fitto bosco. Mi sfilai il dildo dal buco del culo e mi misi ad ascoltare.

Il fruscio si faceva sempre più vicino. Ad un tratto vidi spuntare un bellissimo lupo dagli occhi di fuoco. Ero affascinata e niente affatto intimorita. Il lupo si avvicinò, con la coda e le orecchie ritte, non aveva nessuna paura. Arrivato ad un metro da me si gettò a terra a pancia insù. Era un cucciolone ed aveva voglia di coccole. Iniziai a grattarlo delicatamente tra le orecchie, e poi ad accarezzargli la pancia. Man mano che lo carezzavi vidi ingrossarsi sempre di più il suo pene, che alla fine diventò enorme. Il lupo sembrava felicissimo ed oggettivamente molto molto arrapato.

So io di cosa hai voglia mio bel lupacchiotto!” pensai tra me. Mi misi subito a pecorina, ed il lupo senza perdere neanche un momento … zac mi infilò il suo cazzo nel culo. Iniziò a fottermi sbavando dalla contentezza.

Vabbè non fu una scopata lunga, ma sicuramente fu intensa e soprattutto animalesca. Venne, in modo abbondante, ed io leccai tutto lo sperma rimasto sul suo cazzo … non era salatino come quello umano, piuttosto aveva un che di selvaggio, comunque buono.

Una volta finito il lupo come a ringraziarmi mi leccò con la faccia e silenzioso come era arrivato se ne tornò nel bosco. Io azionai il mio trasduttore e rientrai a casa. Era stata un’esperienza unica. Viva i lupi!

Che l’orgasmo sia con voi!

One Reply to “Capitolo 19: Attenti al lupo (ultimo capitolo delle storie di Pinka)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...