Il Giappone e l’artigianato

Il Giappone è per gli occidentali il paese più alieno esistente. Molto più di posti esotici come l’India, la Tailandia ecc.

Purtroppo moltissimi libri scritti da occidentali che pensano di poter parlare del Giappone dopo averlo visto una volta travisano completamente la realtà nipponica.

L’errore tipico è quello di cercare di spiegare il Giappone per comparazione con l’Occidente. Ma la cosa non funziona, e c’è un motivo semplice per ciò, il Giappone è rimasto di fatto isolato dal mondo occidentale sino a circa 160 anni fa. Un paese alieno che precedentemente aveva contatti solo con la Cina e con la Corea (ed in modo molto ristretto con l’Olanda, ma di questo parlerò un’altra volta).

Certo le cose sono profondamente cambiate da allora. Con la restaurazione Meiji e la fine del cosiddetto “medioevo giapponese” è iniziata una occidentalizzazione del paese del Sol Levante.

Ad esempio sono pochi i giapponesi che indossano gli abiti tradizionali, a differenza ad esempio dell’India. Lo sport più amato dai giapponesi è il Baseball (in cui sono bravissimi) e poi Calcio, dopo, ma proprio dopo, vengono il Judo ed il Kendo

Ma il modo con cui i giapponesi vivono il Baseball è quello tipico delle arti marziali, difficile spiegarlo. C’è un abisso tra lo spirito nipponico e quello occidentale, anche quando si tratta di sport occidentalissimi.

Vogliamo poi parlare dell’artigianato? Il Giappone è uno dei paesi più industrializzati del mondo. Basterebbe fare l’elenco delle industrie come Honda, Yamaha, Nikon ecc. per rendersene conto. Eppure l’artigianato è vivo, molto vivo, a differenza di quanto è accaduto in Italia.

Tra tutto l’artigianato nipponico non posso non citare quello per ceramica e porcellana. Il livello è altissimo, ed anche i costi dei prodotti possono essere altissimi. Ma per i giapponesi è sufficiente avere un pezzo di artigianato anche costoso per essere felici. Non è la quantità che amano i nipponici, ma la qualità.

Quindi accade che una famiglia di tre persone, anche con pochi mezzii economici abbia tre bellissime tazze per il tè di puro artigianato, e poi tutto il resto comprato a prezzi bassissimi al supermercato (prodotti cinesi che imitano quelli autoctoni giapponesi).

Se uscite dalle città e girate per i paesi (serve però un’automobile per farlo), troverete ovunque laboratori di artigianato, e nessuno di questi vi deluderà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...