Cazzi Fantastici e dove trovarli-2a parte

Cazzo delle favole.

E’ un simpatico cazzo sempre dritto, però non è alla ricerca né di passere né di bocche e neanche di culi. Lui vuole sempre solo Trilli.

Non ricordate chi sia Trilli? Ma allora siete cresciute/i davvero troppo. Ma è la fatina di Peter Pan, non potete averla scordata.

È quindi facile capire di chi sia il cazzo, ma sì è propio di lui, il nostro amico Peter Pan, ed ovviamente lo potrete trovare andando verso la seconda stella a destra e poi dritti fino al mattino.

L’isola che non c’è vi aspetta, ma vi aspetta anche Capitan Uncino.

L’ ExtraCazzo

L’universo anche se finito (così sembra) è talmente vasto da esserci zone che saranno per noi sempre inaccessibili.

Volete voi che in tale vastità di stelle e pianeti non si siano sviluppate altre forme di vita intelligenti e soprattutto non si siano sviluppati cazzi ben diversi da quelli che tutti noi conosciamo?

Ecco qua “$¬˚#§¶•∞ƒ”, detto amichevolmente Fava Galattica. Vive su µı√kıæ 4º pianeta della stella KY-Cygni.

A differenza del pianeta terra, la Fava Galattica ha un’intelligenza autonoma rispetto a quella dell’essere che lo possiede come organo sessuale.

Si dice dell’essere ospite della Fava Galattica che ragiona con il cazzo, che non significa, come nel nostro caso che sragiona, ma che per l’appunto ragiona in simbiosi con il suo cazzo.

La Fava Galattica ama leggere ed è un sopraffino cantante. Dotato di una piccola bocca si nutre autonomamente mangiando gli insetti che albergano sul suo ospite.

La più famosa Fava Galattica è stata Presidente del Consiglio delle Nazioni Unite di µı√kıæ. E’ rimasto alla storia per aver eliminato il pensionamento con l’obbligo per tutti i lavoratori di morire durante lo svolgimento del proprio lavoro.

Insomma, una vera e propria Testa di Cazzo Pensante (letteralmente parlando) .

il Cazzo stanco

C’è poco da dire sul Cazzo Stanco, se non che è stanco di tutto, soprattutto del suo ruolo di cazzo.

Marco Ferreri gli dedicò il celebre e terribile film L’ultima Donna.

Ma non sempre il Cazzo Stanco riesce a sublimare la propria stanchezza di esistere con un gesto così eclatante come quello di Gerard Depardieu nel film di Ferreri. Spesso si accontenta di ritirarsi in se stesso, a mo’ di piccolo lombrico inutile … insomma SSPP.

Il Lumacazzo

Partiamo da un dato di fatto, sembra che i maschietti etero italiani non sappiano andare oltre i 5 minuti durante i rapporti sessuali.

Tanto ai maschietti che interessa dell’orgasmo delle proprie compagne di letto? … egoismo allo stato puro. E non ditemi che è “natura”, se si tolgono le patologie mediche si può imparare a durare ben più di mezz’ora, facendo avere alla propria compagna più di un orgasmo durante il rapporto sessuale. Ma l’egoismo dei maschietti è noto, meglio per loro uno schizzo veloce, perché impegnarsi di più?

Servirebbe una bella lezione da parte del Lumacazzo, famoso per la sua lentezza ad arrivare allo schizzo finale … si parla di circa un’ora!.

Il Lumacazzo tiene regolarmente corsi di durata presso la scuola Renato Fucino. Partecipate numerosi, le vostre compagne vi ringrazieranno.

Cazzi fantastici e dove trovarli- Prima Parte

Un utilissimo manualetto del cazzo per esploratori/trici del cazzo.

1 Cazzo Infernale

Il Cazzo Infernale (da non confondere con il Cazzo di Fuoco) lo potete trovare, sempre pronto alla bisogna, nel XVIII girone infernale.

Potrete assaporarlo in tutta la sua infernalità. Ovviamente dovrete stare attente/i a non scottarvi (per questo vi consiglio la pomata “infernix”, ottima sia per la passera che per il culo). Se non amate le bibite bollenti astenetevi dal fare pompini.

2 Cazzo maremmano

Il cazzo maremmano è famoso per la sua carne che unisce capacità erettili ad una morbidezza squisita in fase di cottura. Vi avverto, è molto caro ma ne vale la pena. Va saputo cuocere bene, si consiglia di farlo alla griglia con temperatura molto alta in modo da unire un esterno molto cotto e croccante ad un interno al sangue. Una buona cottura preserverà le sue dimensioni. Non aggiungete sale in fase di cottura, mi raccomando. Lo potrete trovare nelle migliori macellerie maremmane, ma solo su prenotazione.

3 Cazzo Livornese

Il cazzo livornese (Nome scientifico: fava marina labronica) differisce completamente dal cazzo maremmano, nonostante le poche decine di km che separano i due tipi di cazzi.

Il cazzo livornese è un tipico cazzo marino, molto saporito ma anche delicato. Un tempo era il piatto più diffuso nelle famiglie di pescatori, era infatti comune sentire questo dialogo tra moglie e marito pescatore:

-Caro che hai pescato oggi?

-Un cazzo, mia cara.

Lo potete trovare in tutti i supermercati, ad un costo elevato ma comunque inferiore a quello del cazzo maremmano.

La ricetta per il cazzo alla livornese per quattro persone prevede i seguenti ingredienti: 1 kg di cazzi livornesi; 1 spicchio d’aglio, prezzemolo; pomodori pelati; peperoncino; olio extra vergine di oliva.

La preparazione è molto simile a quella delle triglie alla livornese, ma a differenza delle triglie, abbiate cura di girare i cazzi in padella ogni 3 minuti.

4) Cazzo informatico

Il cazzo informatico è una divinità (o meglio un Kami) che si nasconde in tutti i dispositivi informatici: telefonini, tablet, pc, grandi computer.

E’ invocato continuamente dagli utilizzatori con espressioni di fede quali “Cazzo!”, “Che Cazzo!”, “Non funziona, Cazzo!” ogni qual volta un programma o un’app non fa quanto richiesto.

Però dovete fare attenzione, una eccessiva invocazione del Kami Cazzo potrebbe provocare una sua tremenda erezione che lo farà uscire dal vostro dispositivo … ed a quel punto saranno cazzi vostri.

… Continua

Il lumacazzo

Altro disegno per la serie “cazzi fantastici (e dove trovarli)” … per ora solo i disegni, ma poi metterò tutto insieme con tante spiegazioni (assolutamente sceme).

Buone vacanze del cazzo

Cazzi per tutte e tutti, donne, uomini, extraterrestri, salumieri, autoeviratori, macellai, fungaioli, studiosi della bibbia, artisti pop, amanti degli animali fantastici, e chi più ne ha più ne metta (in tutti i sensi).

Buone vacanze del cazzo a tutt*

Capitolo 10: Non è un serpente ma …

Dove Pinka ha un incontro molto ravvicinato con un tipo speciale di serpente, rendendo furiosa Hoshi.

C’è su Nuova-Toscana una spiaggia bellissima, chiamata il Rifugio dell’Aquilone, oasi per i naturisti di tutto il pianeta. Una volta, fantasticando insieme a Hoshi dopo aver scopato come ossesse, ci chiedemmo come sarebbe sta- to quello splendido luogo prima che i nuovi-toscani iniziassero ad invaderla con i loro cazzi e tette al vento.

Regolai il trasduttore spazio-temporale ed arrivammo su Nuova- Toscana circa nel 3000 PGS, molti millenni prima della colonizza- zione neo-toscana. Sul pianeta neanche un essere senziente, solo le rovine dell’antica e defunta civiltà degli inculatori-pazzi ed una na- tura libera e rigogliosa. Ci dirigemmo attraverso una fitta selva di pini fruscianti verso la spiaggia che millenni dopo sarebbe diventata così famosa in tutto l’universo.

Un mare azzurro ed una sabbia finissima ci accolsero. Gli unici rumori erano quelli del mare e di strani e lontani versi dei simil-gabbiani.

Quale migliore modo di celebrare tale bellezza che quello di fa- re l’amore? Iniziammo baciandoci, poi Hoshi passo a succhiarmi i capezzoli e poi abbassandosi ancora prese il mio cazzo, ormai duris- simo, in bocca. Ci sdraiammo e mentre lei mi succhiava il cazzo io iniziai a leccarle la figa, voi terrestri se non sbaglio lo chiamate 69. La sua passera era dolce e bagnata, un sapore delizioso. Stavamo così scopando allegramente quando il mare iniziò a ribollire. Prese alla sprovvista ci girammo e vedemmo uscire dalle acque un enorme serpente (no, tranquilli, non era una Nure-Onna). Hoshi, che di lavoro fa la bibliotecaria e non l’eroina come la sottoscritta, balzò in piedi impaurita. Io invece rimasi affascinata a guardare il serpente che lentamente usciva dal mare.

Mi sembrava di ricordare qualcosa … ma certo, si trattava del più famoso serpente di Nuova-Toscana, il cobra-pompinarus-erectus. Non è cattivo, tutt’altro, è coccoloso più di un panda, solo che quan- do ha fame vuole una sola cosa, lo sperma. Normalmente vive facen- do pompini alle grandi scimmie che abitano su Nuova-Toscana, ma si sa grandi-scimmie uguale a piccoli-cazzi. Vedendo il mio grosso e succulento cazzo non ci pensò un attimo, quasi avesse pensato “cazzo ricco mi ci ficco”. Fu un attimo ed il mio cazzo finì dentro la bocca del serpente . . . non sarà stato una cima di intelligenza il serpentone, ma i pompini li sapeva fare. Succhia e succhia mi fece venire dopo un’ora. Fu bellissimo, ma non per Hoshi che incazzata stette a guar- darci inerte. Quando il serpente, ormai sazio del mio sperma se ne andò, sudai le sette camice per far passare l’incazzatura a Hoshi.

Ma quando alla fine, per chiederle perdono, le infilai il cazzo in culo mi disse “ti perdono Pinka, amo te ed amo il tuo cazzo!”

Che l’orgasmo sia con voi!