Un futuro prossimo?

I meno giovani si dovrebbero ricordare bene le paura per la guerra nucleare che sino agli anni ’80 attanagliava il mondo. Fece scalpore il film The Day After del 1983.

Poi è caduto il muro di Berlino ed i giornali e TV hanno smesso di parlare di guerra nucleare. E se i mass media non ne parlano la popolazione rimuove il problema.

Purtroppo siamo molto più vicini ora ad una devastante guerra nucleare di quanto lo fossimo negli anni ’80.

I motivi sono sotto gli occhi di tutti, dissoluzione impero sovietico con staterelli (ucraina ecc) muniti di missili nucleari, guerra fredda ai massimi livelli tra Cina, Usa e Russia, ma semplicemente non se ne parla.

Date una lettura veloce a https://it.m.wikipedia.org/wiki/Orologio_dell’apocalisse

Un anno fa siamo andati pericolosamente vicini all’apocalisse, è stato l’anno più pericoloso dell’ultimo decennio.

In ogni modo, ecco uno dei miei tanti disegnini sulle cronache post apocalisse nucleare (credo sia inedito).

LE SORELLE ROSSI

Mangè mangè nu séi chi ve mangià

Chissà, magari il covid muterà ed inizierà a trasformare gli umani in zombie , come nel più scontato stile dei film e serie sugli zombie (avete presente The Walking Dead?)

Ma chi dice che gli zombie saranno esseri senza un barlume di intelligenza? Magari saranno intelligenti tanto quanto lo erano nella loro precedente esistenza come normali esseri umani.

Però, particolare non trascurabile, si nutriranno solo di noi umami. No, gli zombie vegetariani non esisteranno e noi saremo le loro bestie da macellare. La ruota gira … prepariamoci.

Mangè mangè nu séi chi ve mangià (De André)

Oro (supereroine comuniste)

Il 21 dicembre 1961 Natasha era regolarmente al lavoro nella fabbrica orafa di Vladivostok. La giornata era freddissima, con il termometro che non saliva mai sopra i -30ºC.

Su tutta la regione si stava scatenando una vera e propria tempesta, nel cielo i lampi ed i tuoni si susseguivano senza sosta …. sembrava che su in alto fosse in atto Ragnarok, la battaglia finale degli dei norreni contro le forze del caos .

Era quasi mezzogiorno quando un fulmine di una potenza inimmaginabile colpì la fabbrica fondendo tutte le macchine elettriche.

Natasha, che stava lavorando vicino ad un enorme altoforno elettrico usato per fondere l’oro, fu investita da un getto del nobile metallo.

Le compagne ed i compagni di lavoro assistettero impotenti alla tragedia, Natasha sembrò a tutti spacciata.

Ma poi avvenne la trasformazione, intere parti del corpo di Natasha si trasformarono in Oro Vivente.

Una nuova supereroina era nata!

Natasha, con il nome di battaglia di Oro, si distinse nella guerra finale tra le forze comuniste e quelle capitaliste.

Lottò senza tregua sino a quando il socialismo non uscì vittorioso.

Ora, a distanza di 55 anni dalla vittoria finale, il mondo intero, unito sotto la bandiera del socialismo la ricorda con commozione e ringraziamento.

Hasta la Victoria Siempre compagna Oro.

L’URSS alla conquista del cosmo

14 agosto 1958: la compagna Olga Pussotchka viene mandata nello spazio, con l’obiettivo di essere la prima umana a camminare sul suolo lunare.

20 agosto 1958 : Olga scende dal modulo lunare pronunciando le famose parole «un piccolo passo per un essere umano, un grande passo per la rivoluzione socialista!»

22 agosto 1958: una tempesta solare investe la luna.

23 agosto 1958: Olga inizia a sviluppare superpoteri.

24 agosto 1958: Olga scopre di non avere più bisogno di aria e della tuta spaziale per sopravvivere nel vuoto. Olga diventa la prima nudista spaziale.

25 agosto 1958: Olga scopre di saper volare a velocità superluminale.

26 agosto 1958: Olga ritorna sulla terra impiegando per il viaggio solo un centesimo di secondo.

27 agosto 1958: tutti i paesi socialisti acclamano Olga, la prima supereroina spaziale comunista.

1 dicembre 1958: Un gruppo di scienziati inizia lo studio di un motore stellare che permetta di muoversi a velocità estremamente superiore a quella della luce, proprio come Olga.

14 agosto 1959: il primo razzo sovietico superluminale viene lanciato con successo.

15 agosto 1959: un’astronave vulcaniana, dopo aver assistito al lancio sovietico, scende in pace sulla Piazza Rossa.

1 ottobre 2059: sovietici e vulcaniani firmano il trattato per costituire la Federazione Galattica Socialista (FGS)

14 agosto 1968: I sovietici, a nome della FGS, lanciano un programma di esplorazione della galassia di Andromeda. La missione è guidata dalla Compagna Olga .

La regina dei topi: cronache del dopobomba N 6.

E’ ormai passato un secolo da quando USA e Russia scatenarono il conflitto nucleare. Il mondo ne uscì distrutto. Ma dopo un secolo il nostro pianeta ha ripreso a vivere. Queste sono le cronache della vita sulla terra nell’anno 2121.

Pussy, strano nome per la regina dei topi, ma così è conosciuta tra le prostitute della discarica di Verona.

Pussy aveva due genitori mutanti, ma comunque umani. Il padre faceva il rigattiere di scorie nucleari e la madre accudiva una famiglia di gatti.

Non esistevano più ospedali per gli umani e tantomeno cliniche ostetriche , le donne partorivano come nei tempi antichi, assistite da levatrici troppo spesso improvvisate.

Quando Pussy nacque il padre lanciò un urlo tremendo, sua figlia aveva la testa da topo.

Il padre guardò la moglie ed insieme annuirono, non potevano allevare una tale obbrobrio. La misero quindi dentro una vecchia scatola di cartone e l’abbandonarono nella vicina discarica.

I pianti disperati della bambina non attirarono nessuno degli umani intenti a rovistare tra i rifiuti, ma purtroppo richiamarono una affamatissimo chihuahua gigante.

Il canide inizò a mangiare la gamba destra della neonata quando una e vera e propria orda di topi assalì la bestia salvando la bambina. Con grande sforzo i ratti portarono Pussy nella loro tana tra i rifiuti e l’allevarono come una di loro.

Ora Pussy è cresciuta, esercita l’antica professione di prostituta , ma non si è dimenticata dei topi che la salvarono ed a modo loro la amano.

Dai diamanti non nasce niente 
Dal letame nascono i fior
 

Fabrizio de André