Gli angeli …

Era una nebbiosa mattina di febbraio a Verona, e la messa nella cattedrale di Sant’Anastasio era appena terminata.

Il vescovo aveva appena pronunciato le parole “la messa è finita, andate in pace” quando una fedele alzò la mano.

  • Sua Eminenza, che posso farle una domanda?
  • Dica dica signora, non si faccia problemi.
  • Ma sa com’è Sua Eminenza, Lei ha citato spesso gli angeli nella sua omelia, ma io mica ci ho capito tanto.
  • Cosa la turba? Dica, non abbia timore.
  • Ma questi angeli che fanno tutto il giorno?
  • Signora cara, stanno in beata contemplazione di Nostro Signore.
  • Ma non si annoiano a stare tutto il giorno in contemplazione? Neanche un gotto di vin per passare il tempo?
  • Ma signora, che gotto e gotto, gli angeli non hanno desideri mortali.
  • Neanche ciavano un pochettino, vabbè che sono tutti maschi.
  • Signora ma che insinua! Gli angeli non ciavano, ehm, non fanno sesso.
  • Allora vengono sulla terra a ciavar?
  • Ma nooooo! Gli angeli non fanno sesso e nemmeno hanno sesso, non sono né maschi né femmine.
  • Ed allora al posto della patata o del cazzo che hanno? Un buchino per la pipì?
  • Ma ma ma … si rende conto di quel che dice? Ma quale buchino e buchino. Sono lisci, non hanno niente, sono puro spirito non hanno desideri perversi come quelli che stanno invadendo la sua mente.
  • Ho capito Vostra Eminenza, mi scusi.
  • Altro che scusarsi, vada subito a confessarsi da Don Chiavino.
  • Da don Chiavino? Quello che si fa le seghe durante la confessione?
  • Bastaaaaa vada via da questa casa di Dio. Il demonio ha preso possesso del suo corpo … fuoriiiii.

Appena la signora uscì dalla cattedrale il Vescovo chiamò Don Chiavino.

  • Don Chiavino, cosa è questa storia delle seghe durante la confessione?
  • Ma mi aveva autorizzato Lei!
  • Certo, ma non dovevi farti vedere, e soprattutto non schizzare ovunque.
  • Ha ragione Sua Eminenza.
  • Eppoi tutte queste domande sugli angeli. Non sapevo più come cavarmela. Proprio ieri mentre facevo un pompino all’Arcangelo Gabriele mi era venuto in mente che dovremmo dire la verità ai nostri fedeli.
  • La verità? Ma Sua Eminenza, sta scherzando? Cosa conteneva lo sperma di Gabriele, una droga?
  • Hai ragione, scusami don Chiavino. Fai conto che questo colloquio non sia mai avvenuto.

Non è mai troppo tardi per iniziare a leggere

Vi (ri)propongo sei letture. Sono letture molto diverse tra di loro, ma tutte molto belle.

Le copertine sono un parto della mia strana mente, ma in un caso (forse due) sono stato fedele a quello che l’autore, senza averlo scritto esplicitamente, ci ha fatto capire.

A voi indovinare quale (domanda solo per chi ha letto i libri in questione).

Aurum

Lontano lontano lontano nella galassia EGS8p7 c’è il pianeta 브릴리언트 골드 (Oro Brillante).

Tutti gli esseri viventi di 브릴리언트 골드 si sono evoluti a partire dal metallo che noi chiamiamo Oro. Un esempio di evoluzione inorganica totalmente diversa da quella sulla terra.

Per motivi assolutamente non chiari, pur essendo tutte le forme viventi basate sull’oro, a livello esteriore piante ed animali hanno la stesso aspetto degli analoghi terrestri. Abbiano così ciliegi, gatti, aironi ed ovviamente una specie senziente che potremmo chiamare Donna Sapiens.

Su Aurus non esiste distinzione di sessi, ogni specie ha un solo sesso e l’accoppiamento avviene tramite lo scambio di spermatozoi auriferi durante i cosiddetti pompini, ed infatti a tale scopo tutte le Donne Sapiens sono munite di un simpatico e robusto cazzo. Ma altresì, tutte hanno anche una succulenta vagina. La penetrazione cazzo-vagina ha come unico scopo il piacere sessuale, celebrato su tutto Aurum come forma di piacere assoluto.

Cazzi Fantastici e dove trovarli-2a parte

Cazzo delle favole.

E’ un simpatico cazzo sempre dritto, però non è alla ricerca né di passere né di bocche e neanche di culi. Lui vuole sempre solo Trilli.

Non ricordate chi sia Trilli? Ma allora siete cresciute/i davvero troppo. Ma è la fatina di Peter Pan, non potete averla scordata.

È quindi facile capire di chi sia il cazzo, ma sì è propio di lui, il nostro amico Peter Pan, ed ovviamente lo potrete trovare andando verso la seconda stella a destra e poi dritti fino al mattino.

L’isola che non c’è vi aspetta, ma vi aspetta anche Capitan Uncino.

L’ ExtraCazzo

L’universo anche se finito (così sembra) è talmente vasto da esserci zone che saranno per noi sempre inaccessibili.

Volete voi che in tale vastità di stelle e pianeti non si siano sviluppate altre forme di vita intelligenti e soprattutto non si siano sviluppati cazzi ben diversi da quelli che tutti noi conosciamo?

Ecco qua “$¬˚#§¶•∞ƒ”, detto amichevolmente Fava Galattica. Vive su µı√kıæ 4º pianeta della stella KY-Cygni.

A differenza del pianeta terra, la Fava Galattica ha un’intelligenza autonoma rispetto a quella dell’essere che lo possiede come organo sessuale.

Si dice dell’essere ospite della Fava Galattica che ragiona con il cazzo, che non significa, come nel nostro caso che sragiona, ma che per l’appunto ragiona in simbiosi con il suo cazzo.

La Fava Galattica ama leggere ed è un sopraffino cantante. Dotato di una piccola bocca si nutre autonomamente mangiando gli insetti che albergano sul suo ospite.

La più famosa Fava Galattica è stata Presidente del Consiglio delle Nazioni Unite di µı√kıæ. E’ rimasto alla storia per aver eliminato il pensionamento con l’obbligo per tutti i lavoratori di morire durante lo svolgimento del proprio lavoro.

Insomma, una vera e propria Testa di Cazzo Pensante (letteralmente parlando) .

il Cazzo stanco

C’è poco da dire sul Cazzo Stanco, se non che è stanco di tutto, soprattutto del suo ruolo di cazzo.

Marco Ferreri gli dedicò il celebre e terribile film L’ultima Donna.

Ma non sempre il Cazzo Stanco riesce a sublimare la propria stanchezza di esistere con un gesto così eclatante come quello di Gerard Depardieu nel film di Ferreri. Spesso si accontenta di ritirarsi in se stesso, a mo’ di piccolo lombrico inutile … insomma SSPP.

Il Lumacazzo

Partiamo da un dato di fatto, sembra che i maschietti etero italiani non sappiano andare oltre i 5 minuti durante i rapporti sessuali.

Tanto ai maschietti che interessa dell’orgasmo delle proprie compagne di letto? … egoismo allo stato puro. E non ditemi che è “natura”, se si tolgono le patologie mediche si può imparare a durare ben più di mezz’ora, facendo avere alla propria compagna più di un orgasmo durante il rapporto sessuale. Ma l’egoismo dei maschietti è noto, meglio per loro uno schizzo veloce, perché impegnarsi di più?

Servirebbe una bella lezione da parte del Lumacazzo, famoso per la sua lentezza ad arrivare allo schizzo finale … si parla di circa un’ora!.

Il Lumacazzo tiene regolarmente corsi di durata presso la scuola Renato Fucino. Partecipate numerosi, le vostre compagne vi ringrazieranno.

Il riposo della cacciatrice

Si narra che nella preistoria vivesse ai piedi delle alpi venete una tribù di amazzoni cacciatrici.

Le amazzoni, grazie ai doppi organi sessuali non abbisognavano di uomini, tenuti lontani con le buone o le cattive.

Adoratrici della Dea Figzo, avevano tre missioni nella vita, cacciare, divertirsi e soprattutto fare tanto sesso, sempre ed ovunque.

Vi presento Mb’talla.

Aftereigners

Su Raiplay abbiamo visto l’ottima serie norvegese Beforeigners …

Non vi racconto niente, ma secondo me merita (migranti arrivano ad Oslo da un antico passato). Il titolo è la fusione di Before (prima) e Foreigners (stranieri).

Però potrebbe accadere anche il contrario … e da qui il disegnino.

Suor Morigerata, nata Prudenzia Accecaragnoli

(storia e disegno dedicati fuori tempo massimo ad Endy)

Suor Morigerata ovviamente non è sempre stata una suora, ricorda ancora quando giovane rampolla della famiglia Accecaragnoli giocava libera e spensierata nel parco della casa dei genitori.

Il padre, Cavalier Commendatore Giuseppe Accecaragnoli, grazie alle amicizie con potenti cardinali di Santa Romana Chiesa, aveva creato dal nulla una florida industria di produzione ed esportazione armi in tutti i luoghi in cui i conflitti armati erano consuetudine.

Particolarmente di successo fu la produzione di bombe al gas nervino con le fattezze dei più famosi personaggi Disney. I bambini delle zone di guerra portavano a casa le bombe e queste nella notte esplodevano liberando il gas letale uccidendo tutta la famiglia.

Fu il giorno del dodicesimo compleanno di Prudenzia che il Cavalier Accecaragnoli spiegò all’amata figlia quello che sarebbe stato il tuo destino.

“Non ci sono se e ma, tu domani entrerai in convento, e dopo il periodo di noviziato diventerai suora!”

“Ma papà, io voglio stare qui con voi, non voglio diventare suora … ” e giù pianti a dirotti.

“Senti figlia mia, in vaticano sta tirando una brutta aria, ed io ho bisogno di avere infiltrati nel mondo della chiesa. Purtroppo tua madre, Dio l’abbia in gloria, invece di darmi un maschio ha partorito tu, un’inutile femmina. Già sognavo mio figlio diventare cardinale ed aiutarmi segretamente negli affari della nostra industria. Ma purtroppo ci sei solo tu, ed almeno spero tu diventi una suora potente capace di irretire i cardinali. Argomento chiuso. Domani Battistello ti porterà in convento.”

E così fu che nell’anno di grazia 2001 Prudenzia entrò nel convento delle Carmelitane Pradiane.

Gli anni passarono e Prudenzia alla fine prese i voti assumendo il nome di Morigerata.

Gli anni di noviziato all’inizio furono duri, ma fu grazie alla passione nutrita per lei da parte della Madre Superiore (passione più sessuale che spirituale, invero) che Prudenzia capì tante cose del mondo clericale.

Iniziò quindi a scopare (di nascosto alla Madre Superiora) con i più importanti vescovi e cardinali (vabbè i cardinali scopavano ben poco, diciamo si limitavano a guardare) e nel giro di pochi anni dopo aver preso i voti scalzò la Madre Superiora facendola rinchiudere in un ospizio per suore e prendendo il suo posto a Madre Superiora del convento.

Suor Morigerata divenne in breve una spietata Superiora, non solo pretendendo favori sessuali da parte di tutte le novizie, ma usandole in un giro di suore-escort per ingraziarsi i vertici vaticani.

Il 2018 il Cavalier Commendatore Giuseppe Accecaragnoli morì in circostanze misteriose (si mormora di un’ostia avvelenata) e Suor Morigerata ereditò l’impero familiare. Mise a dirigerlo un giovane prete succube della sua passera pelosa.

Ma la svolta avvenne nel mese di maggio 2021 quando il novello Papa Gaudenzio (eletto dopo la morte misteriosa di Papa Francesco), ovviamente cardinale devoto sessualmente di Suor Morigerata, dichiarò ex-catedra che le donne potevano essere nominate sacerdotesse di Santa Romana Chiesa.

Suor Morigerata fu la prima sacerdotessa della storia della chiesa Cattolica.

Nel mese di giugno 2022, Papa Gaudenzio nominò Suor Morigerata Cardinale e dopo neanche un mese morì in circostanze misteriosissime (si parlò di un caffè corretto con la stricnina).

Il 14 agosto 2022 i cardinali riuniti in conclave, elessero Suor Morigerata allo scranno pontificio, e Suor Morigerata assunse il nome di Papa Godiva.

Siamo ora qui riuniti a rendere grazia per i 20 anni di pontificato di Papa Godiva.

Che le trame segrete ed il sesso ricattatorio siano con voi cari fedeli.

Suor Morigerata

L’angel* che vi aspetterà in paradiso

Voi che dichiarate, mentendo, di fare sesso solo con vostra moglie con lo scopo di procreare, secondo i dettami della santa romana chiesa,

voi che amate tutti ma prima gli italiani,

voi che amate gli italiani ma prima le regioni con un PIL alto,

voi che odiate omosessuali e trans, e poi magari andate a cercare i trans nelle strade di notte,

voi che non siete razzisti ma …

voi che quindi sperate di andare in paradiso, ecco l’angel* che vi aspetterà , pront* a punirvi, perché care signore signori, il paradiso non è quello che voi immaginate.

Nikka

Nikka è un’assassina, un’assassina molto selettiva.

Nikka uccide solo chi si merita di essere ucciso.

Nikka non ha limiti, può uccidere esseri umani, mostri delle tenebre, extraterrestri, dei, demoni ed anche gli anni orribili.

Nikka stanotte ucciderà il tremendo 2020.