… spiar le file di rosse formiche …

L’altro giorno mi è riaffiorata in testa la bellissima poesia “Meriggiare pallido e assorto” di Montale (il testo in calce)

Meriggiare pallido e assorto

presso un rovente muro d’orto,

ascoltare tra i pruni e gli sterpi

schiocchi di merli, frusci di serpi.

Nelle crepe del suolo o su la veccia

spiar le file di rosse formiche

ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano

a sommo di minuscole biche.

Osservare tra frondi il palpitare

lontano di scaglie di mare

mentre si levano tremuli scricchi

di cicale dai calvi picchi.

E andando nel sole che abbaglia

sentire con triste meraviglia

com’è tutta la vita e il suo travaglio

in questo seguitare una muraglia

che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.

Il peccato originale, ovvero dio si incazza!

Chi mi segue da tempo sa benissimo che sono ateo, ciononostante le religioni mi affascinano come fenomeno sociale. In particolare sono sempre stato negativamente colpito dal concetto di peccato originale con conseguente cacciata dal paradiso terrestre. Un dio geloso e vendicativo quello dell’antico testamento, nonché profondamente sessuofobo.