Alta moda naturista

(ADDENDUM: mi hanno chiesto dove sia l’alta moda in questo disegno … ma ovviamente è l’alta moda “vuota”. In una spiaggia naturista non si può indossare nulla).

Amiche mie (più o meno munite di cazzo, non è importante) è tempo di mare.

La spiaggia naturista del Nido dell’Aquila (spiaggia ufficiale comunale) vi aspetta.

Per l’occasione vi propongo questo bellissimo cappello.

Cazzi e passere dovrebbero essere depilati/e, è ammesso comunque un piccolo ciuffo di peli… ma non esagerate con le foreste incolte.

Bacini dalla vostra stilista Andrea 😘😘😘

Ceci n’est pas un coq

Il caldo è tremendo, devo preparare le lezioni di un corso di dottorato su CoQ, l’Italia sta precipitando nell’assoluta disumanità, Verona è in mano ai fascisti e sinceramente mi girano le palle.

Quindi, parafrasando Guccini (la bellissima Cyrano) … “mi chiudo in casa e disegno, e disegnando mi consolo”

Moda intersex: vestitino a pois … per tutte.

A grande richiesta (si fa per dire) e per tirarmi su il morale in questo tragico e nero lunedì post elettorale, propongo questo vestitino. Pur essendo pensato per donne munite di cazzo, può essere indossato anche da chi ha una bellissima figa (che per creare risalto non dovrebbe essere completamente depilata). In ogni caso vietate le foreste di peli.

Il richiamo agli anni ’60 è immediato, a partire dalle spalline del top, dai pois bianchi su sfondo azzurro e dal fiocco in vita.

Giulietta e Romea: la verità

Diciamo la verità, la storia di Giulietta e Romeo è stucchevole, specialmente per chi vive a Verona (la città dell’amore, purché sia tra italiani bianchi, cattolici ed eterosessuali) .

A proposito, sapete che il *famoso* balcone è stato costruito nel ‘900 per acchiappare gli ignari turisti?

E se Giulietta fosse esistita veramente e Romeo fosse stato un* intersessuale? Beh, allora tutta la storia del loro amore avrebbe ben altro spessore.